Mattone in tenuta nei grandi centri

Trattative fra privati in aumento per risparmiare sui costi di agenzia, preferenza per le abitazioni già ristrutturate, cautela e riflessività nelle scelte. Sono le caratteristiche del mercato immobiliare italiano, che si muove sempre più a due velocità. Con un divario che si amplia tra andamento delle maggiori città da un lato e piccoli centri urbani e periferie dall’altro.

A fare ben sperare è però il dato sulle compravendite che, migliori delle attese, hanno registrato uno scatto nel quarto trimestre, chiudendo l’anno a 598.224 transazioni registrate dall’agenzia del territorio, in calo del 2,2%. in contrazione invece i prezzi a fine 2011, un calo per molti uffici studi superiore alle attese e che ha lievemente inciso sui rendimenti, oggi al 3,9% lordo annuo (dal minimo del 2007).

Incertezza resta la parola dominante. Sul fronte lavoro, sul futuro della crescita economica, sui risvolti della crisi. Tutte variabili…

Tratto da Il Sole24 Ore

Cicca qui per leggere l’articolo completo.

Rispondi Annulla risposta

Powered by WordPress.com.

Up ↑

Exit mobile version
%%footer%%