Fine dello stato di emergenza da Covid-19, si torna a una “quasi-normalità”. Gli aggiornamenti per le agenzie immobiliari

Niente di nuovo da riportare. Potremmo sintetizzare così gli aggiornamenti per le agenzie immobiliari in tema di Green Pass contenuti nelle nuove regole diramate per la fine dello stato di emergenza. Da oggi, 1 aprile 2022, entra infatti in vigore il decreto-legge 24 marzo 2020.

Questo decreto, convertito poi nella legge n. 11 del 18 febbraio 2022, pone fine allo stato di emergenza portando al conseguente cambio delle regole riguardanti Certificazione Verde e mascherina. Non per le agenzie immobiliari però, la cui attività non è stata modificata rispetto a quello che già accadeva prima nei precedenti mesi (leggi qui per saperne di più).

In particolare, la legge ha:

  • abrogato il decreto-legge n. 229 del 30 dicembre 2021 e il decreto-legge n. 2 del 22 gennaio 2022;
  • approvato le modifiche di alcune delle disposizioni precedenti relative a quarantena, green pass e riaperture/restrizioni in vista della fine dello stato di emergenza.

Nello specifico, non ci sarà più bisogno di Certificato Verde in diversi luoghi, tra cui negozi, uffici pubblici, bus e metro dove continuerà però ad essere obbligatoria la mascherina. Il Green Pass base resterà però ancora obbligatorio per ristoranti e strutture. Inoltre, dall’1 maggio non sarà quasi più necessario neanche il Green pass base. Finalmente alcune buone notizie dopo mesi in cui mascherine, distanziamento sociale, tamponi e quarantene hanno condizionato la nostra vita quotidiana.

Nuove regole in tema Green Pass: tutto uguale per le agenzie immobiliari. L’attività prosegue senza alterazioni

Come già si accennava nelle prime righe di questo articolo, per le agenzie immobiliari non è cambiato poi molto. Vi era già la possibilità di operare e svolgere l’attività di mediazione immobiliare senza limitazioni: i clienti che entravano in agenzia o che accedevano agli immobili non erano obbligati ad avere la certificazione verde.

Una data da segnalare, che potrebbe interessare i titolari delle agenzie immobiliari e dei suoi collaboratori, è quella del 30 giugno, termine in cui è fissato il ritorno in ufficio in presenza nell’ambito privato. Fino a quella data ci sarà la possibilità di ricorrere al cosiddetto “lavoro agile” nel settore privato senza l’accordo individuale tra datore di lavoro e lavoratore.

Rispondi Annulla risposta

Powered by WordPress.com.

Up ↑

Exit mobile version
%%footer%%