Vendere casa per comprarne una nuova: immaginare gli spazi con l’acquisto su carta

Vendere una casa non è mai un passo facile da compiere. Quello che viene banalmente definito come “immobile”, per te che ne sei il proprietario è ben altro: un tetto e quattro mura acquistati con tanti sacrifici, il luogo in cui ogni membro della tua famiglia rifugia i suoi sogni e le sue preoccupazioni, in cui i tuoi figli imparano a parlare, a camminare, una “cornice” a decoro della vita di ognuno. Per questo e per altri infiniti motivi, quando scegli di vendere casa per comprarne una nuova vorresti avere la certezza che il nuovo acquisto possa suscitarti le stesse emozioni dell’immobile che sta lasciando. In termini di percezione le cose si complicano – ovviamente – quando si valuta l’acquisto di una casa ancora in costruzione, l’acquisto comunemente definito “su carta”.

Acquisto su carta

Vantaggi

L’espressione “acquisto su carta” viene utilizzata perché quando una persona decide di valutare un immobile di questo tipo, effettivamente non si troverà davanti un’abitazione fatta e finita ma, al contrario, dovrà immaginarsi qualcosa che verrà costruito da zero.

Se stai pensando di acquistare una casa su carta devi sapere che – indubbiamente – i vantaggi sono numerosi. Vediamone alcuni:

  1. PERSONALIZZAZIONE. Il primo vantaggio è quello di poter personalizzare l’immobile a seconda delle tue necessità. Puoi progettare con l’architetto gli spazi, puoi scegliere i materiali e la palette di colori che preferisci in ogni ambiente. In più se sei tra i primi a scegliere un immobile all’interno di un edificio in costruzione, puoi decidere anche il piano che preferisci.
  2. EFFICIENZA ENERGETICA. L’acquisto di una casa nuova è vantaggioso perché sarà progettata con materiali all’avanguardia e tecnologia di ultima generazione: questo garantirà una maggiore efficienza energetica che si traduce in diminuzione dell’impatto ecologico e riduzione dei costi sulle bollette.
  3. INVESTIMENTO A LUNGO TERMINE. Chi sceglie di acquistare adesso una casa di ultima generazione farà un investimento per i prossimi anni. La grande attenzione che oggi si pone sui possibili danni all’ambiente, ad esempio, spinge gli acquirenti a considerare sempre di più immobili con classe energetica alta, a scapito degli immobili datati.
  4. MANUTENZIONE. Quando si acquista un immobile “di seconda mano” – soprattutto se questo è molto vecchio – i lavori di ristrutturazione e manutenzione sugli impianti saranno necessari e frequenti nel tempo. Le case di nuova costruzione, invece, sono dotate di impianti di nuova generazione e di nuova installazione, dunque meno “problematici”.

Svantaggi

Tuttavia, se stai valutando l’acquisto su carta potrebbero frenarti alcuni aspetti: innanzitutto quando si tratta di acquisti importanti come quello di una casa è più difficile spingersi troppo in là con l’immaginazione. La concezione dello spazio fisico, degli ingombri e delle divisioni, della “vivibilità” degli ambienti, sono aspetti sfuggenti: dovrai necessariamente fare le tue considerazioni guardando i cosiddetti rendering (disegni grafici elaborati al computer). Capita spesso che potenziali acquirenti su carta facciano difficoltà a credere che lì dove c’è solo un terreno semi deserto sorgerà la casa dei loro sogni; temono di trovarsi con un pugno di mosche in mano, o che il risultato finale non sarà quello desiderato.

In più, un aspetto che potrebbe essere svantaggioso per te che stai valutando l’acquisto su carta è rappresentato dai tempi di consegna dell’immobile. Se l’esigenza è immediata, non conviene fare un passo di questo tipo. Nella maggior parte dei casi, dalla prima prenotazione, trascorrono circa due anni.

Un altro aspetto che bisogna considerare è il costo: avere una casa di ultima generazione, ovviamente, influisce sul costo finale. D’altro canto, se si sta considerando l’acquisto di una casa vecchia che necessita di ristrutturazione completa, probabilmente il costo finale sarà maggiore rispetto all’acquisto di una casa “chiavi in mano”.  

Con i consulenti immobiliari FRIMM “tocchi” gli immobili su carta

Solo chi svolge questo lavoro sa quanto impegno richiede la vendita di un immobile su carta. Le tue aspettative e i tuoi sogni vanno assecondati: solo un professionista immobiliare riesce a farsi carico di tutte le tue preoccupazioni e rendere il processo di acquisto il più chiaro possibile.

La cosa più importante, infatti, quando si acquista un immobile in costruzione è riuscire a instaurare un rapporto di fiducia con il proprio consulente immobiliare. Un professionista del settore non potrà certo accompagnarti fino al piano dell’edificio in cui sarà il tuo appartamento – ad esempio – o potrà farti vedere dove si affaccerà la tua futura camera da letto, ma avrà studiato così tanto il cantiere e i progetti da aver ben in mente quello che ci sarà lì di fronte tra qualche mese, e riuscirà a trasmetterlo serenamente anche a te che stai acquistando.

In Italia ci sono delle strutture, veri e propri uffici di consulenza immobiliare organizzati come studi di counseling e advisory immobiliare, abilissimi nell’accompagnarti serenamente nel tuo acquisto su carta.

Dal 2020, gli agenti immobiliari del Gruppo FRIMM – ad esempio – vengono guidati sin dal primo giorno in un vero e proprio percorso professionale che è racchiuso in quello che viene chiamato “Metodo FRIMM” e che li porta ad acquisire delle competenze specifiche sulla vendita dei cantieri.

Grazie a FRIMM Real Estate Investing – divisione del Gruppo concepita per le acquisizioni e riqualificazioni di grandi complessi immobiliari in Italia – i consulenti immobiliari FRIMM si interfacciano ogni giorno con clienti come te, intenzionati a vendere la loro vecchia casa per comprarne una di nuova generazione, e l’unico modo per fare bene il proprio lavoro è formarsi costantemente, ascoltando i bisogni di chi sta acquistando l’immobile su carta.

Rispondi Annulla risposta

Powered by WordPress.com.

Up ↑

Exit mobile version
%%footer%%