Vendere casa completamente in digitale: pro e contro

Negli ultimi anni, complice anche la pandemia da Covid-19, la tecnologia ha assunto un ruolo sempre più fondamentale nelle nostre vite. Anche il mercato immobiliare ha avuto una forte accelerazione nel processo di digitalizzazione e i brand del settore che non riescono a tenere il passo, purtroppo, rischiano di perdere grosse fette di mercato. In questo scenario, molti italiani hanno provato l’esperienza di vendere casa completamente in digitale: ma quali sono i pro e i contro di questo processo di compravendita?

VENDERE CASA SENZA COMPETENZE: L’ERRORE È DIETRO L’ANGOLO

Vendere la propria casa è una scelta delicata che richiede tempo e un’attenta analisi della fattibilità dell’operazione. La scelta di affidarsi a un consulente immobiliare, ovviamente, è la più saggia che un proprietario possa fare (come dimostra ogni giorno il mercato stesso).

Chi sceglie invece di vendere autonomamente la propria casa dovrà comunque avere a che fare con quelle figure chiave – il geometra o l’impiegato del catasto, ad esempio – inevitabili per recuperare documenti e reperire informazioni sensibili sull’immobile (conformità degli impianti, attestazione di prestazione energetica, certificazione di agibilità ecc.) che se non presenti o incomplete renderebbero irregolare la vendita.

Il ruolo del consulente tecnico, dunque, è centrale in caso di compravendita immobiliare. Questo avviene per un semplice motivo: il proprietario immobiliare, nonostante la proprietà del bene, non è un esperto e, suo malgrado, commetterà errori causati dalla scarsa conoscenza del settore. 

VENDERE CASA CON L’AGENZIA DIGITALE: CHE COSA SIGNIFICA DAVVERO? 

In Italia si sta affermando sempre di più il modello di agenzia immobiliare digitale. Un modello molto appetibile, soprattutto perché offre la provvigione fissa: il costo da versare all’agenzia immobiliare per il lavoro svolto non è calcolato in base al valore dell’immobile – come da sempre accade – ma ha un listino prezzi che varia in base ai servizi che il cliente sceglie. D’altra parte, il costo della provvigione degli agenti immobiliari tradizionali è considerato un ostacolo per molti e spesso, proprio per questo motivo, i proprietari che devono vendere casa preferiscono rinunciare completamente alla consulenza.

Nella pratica, poi, il primo contatto avviene tramite social network o sul sito web dell’agenzia, si gestiscono i clienti e le loro esigenze tramite app, o tramite chat. In questo modo il proprietario immobiliare può verificare e tenere sotto controllo tutte le fasi della trattativa di vendita della sua casa da smartphone. Non a caso, le agenzie immobiliari del 2022, non reclutano più esperti immobiliari ma esperti di marketing e sviluppatori di software.

L’accesso a queste informazioni con un “click” è effettivamente un valore aggiunto per il cliente… a patto, però, che a questi sia affiancato l’effettivo supporto di un consulente immobiliare professionale. Verrà un momento nella trattativa – succede sempre – in cui il ruolo del consulente immobiliare “risolutore di problemi” in senso stretto sarà necessario, e non ci sarà listino prezzi che tenga. Sebbene le agenzie immobiliari digitali vogliano far passare un messaggio differente, il costo fisso richiesto non sostiene il coinvolgimento di consulenti immobiliari iper specializzati come quelli di un moderno ufficio di consulenza. Il cliente, allora, sarà comunque “solo” nel momento del vero bisogno.

LA SINTESI PERFETTA: IL CONSULENTE IMMOBILIARE DIGITALIZZATO

Come spesso accade, il compromesso è la via giusta: un agente immobiliare supportato dalle moderne tecnologie è la vera novità che consente di snellire e ottimizzare i tempi di vendita della casa oggi. È dunque consigliabile affidarsi a un professionista che valga il costo della provvigione, che sia specializzato nel settore e che conosca bene il mercato in cui opera; ma che affianchi altresì la sua competenza all’utilizzo delle moderne tecnologie. La tecnologia, dunque, deve essere un valore aggiunto per il consulente immobiliare e non può essere l’UNICA risorsa possibile.

I consulenti immobiliari del Gruppo FRIMM, ad esempio, accompagnano il cliente dalla richiesta di vendita fino al momento del rogito notarile, risolvendo eventuali problemi burocratici e liberando il proprietario dell’immobile da ogni preoccupazione. Questo perché FRIMM, player del settore immobiliare italiano da oltre vent’anni, ha messo a punto un protocollo di lavoro e gestione dei clienti che i consulenti immobiliari affiliati sono obbligati a seguire. Si tratta di un vero e proprio percorso didattico e formativo – il Metodo FRIMM – che ha l’obiettivo di trasferire le competenze necessarie per rispondere alle esigenze del cliente e offrirgli la migliore esperienza di vendita possibile, oltre che tutelarlo per ogni step dell’operazione (per scoprire cosa fa un consulente abilitato al Metodo FRIMM clicca qui).

VENDERE CASA CON UN CONSULENTE IMMOBILIARE FRIMM, CHIEDI ALL’ASSISTENTE IMMOBILIARE DIGITALE

Il cliente che decide di rivolgersi a un consulente immobiliare FRIMM potrà farlo in maniera del tutto digitale, senza però rinunciare alla professionalità e alle competenze che garantiscono la vendita della casa in maniera trasparente e del tutto tutelata.

Se hai intenzione di vendere casa e vuoi rivolgerti a un consulente immobiliare specializzato nel tuo problema specifico, puoi iniziare contattando l’Assistente Immobiliare Digitale di FRIMM che ti risponderà GRATUITAMENTE in chat e ti accompagnerà verso la consulenza immobiliare all’altezza delle tue aspettative.

ECCO IL FUTURO DELLA CONSULENZA IMMOBILIARE,

COMPILA IL FORM PER INIZIARE.

* indicates required
Leggi l’informativa sulla privacy in fondo al form *
Per il trattamento al punto 2.1 dell’informativa *

Rispondi Annulla risposta

Powered by WordPress.com.

Up ↑

Exit mobile version
%%footer%%