Disponibile l’intervento di Roberto Barbato all’evento di “Sei un agente immobiliare se…”

Roberto Barbato: intervento al "Sei un Agente Immobiliare se..." partyÈ disponibile su Youtube a questo indirizzo l’intervento integrale del presidente di Frimm, Roberto Barbato, sul palco dell’evento “Sei un Agente Immobiliare se… Party” che si è tenuto a Roma lo scorso 4 ottobre.
Il meeting, ideato e organizzato da Raffaele Racioppi, consulente, formatore e blogger che grazie ai numeri generati del suo gruppo Facebook “Sei un agente immobiliare se…”  dedicato esclusivamente alla routine lavorativa degli agenti immobiliari, è riuscito a mettere insieme alcuni tra i principali protagonisti del real estate italiano.
Nel panel che si può guardare integralmente nel video di Youtube al già citato link, il presidente Barbato e gli altri ospiti discutono proprio di Multiple Listing Service e di aggregatori social.

Frimm e MLS REplat presenti al Restructura 2014 di Torino

Restructura 2014Grazie all’impegno del team Frimm e MLS REplat di Torino guidato dall’area manager Daniela Esposito, i due brand immobiliari saranno tra gli ospiti il prossimo weekend della 27esima edizione del “Restructura”, il salone della riqualificazione, recupero e ristrutturazione, che si terrà al Lingotto di Torino proprio da giovedì 27 a domenica 30 novembre 2014, dalle ore 10 alle 20.

Una partecipazione, quella del gruppo Frimm e del suo prodotto di punta, il Multiple Listing Service REplat che ogni giorno fa collaborare online 3.500 agenti immobiliari iscritti al ruolo, che evidenzia sempre più il peso specifico dell’azienda presieduta da Roberto Barbato all’interno del mercato del real estate italiano. Frimm e MLS REplat saranno presenti al Restructura – che apre le porte al settore immobiliare proprio quest’anno per la prima volta – con un proprio stand che sarà a disposizione delle migliaia di persone che ogni anno presenziano alla manifestazione. Per l’edizione 2014 è prevista la partecipazione di oltre 300 espositori e sono stati organizzati più di 70 convegni e workshop su temi di rilevanza nazionale.

Per maggiori informazioni: www.restructura.com

APE: l’attestato di prestazione energetica e i meccanismi di controllo dopo il 145/2013

Attestato di prestazione energeticaA qualche mese di distanza dall’approvazione del decreto legge “Destinazione Italia” torniamo a parlare di Ape, vale a dire degli attestati di prestazione energetica, per chiarire alcuni aspetti che proprio il 145/2013 ha definito. In particolar modo ci riferiamo ai meccanismi di controllo, obblighi e sanzioni che gravitano attorno alle corrette procedure che si applicano alla certificazione delle prestazioni energetiche di un immobile.

Con il 145/2013 è stato, ad esempio, cancellato l’obbligo di allegare l’attestato di prestazione energetica ai contratti di cessione a titolo gratuito di immobili e ai contratti di locazione di singole unità abitative. Anche nei casi in cui resta l’obbligo di allegare la documentazione, non è più previsto l’annullamento del contratto (così come disposto dall’art. 1 comma 7 del D.L. 145/2013) ma viene invece stabilita una multa a carico delle parti. 

Il “Destinazione Italia” ribadisce invece l’obbligo di inserire in alcuni contratti immobiliari una clausola con la quale “l’acquirente o il conduttore dichiarino di aver ricevuto le informazioni e la documentazione, comprensiva dell’attestato, in ordine alla attestazione della prestazione energetica” relativamente a:
1) contratti di compravendita immobiliare;
2) atti di trasferimento di immobili a titolo oneroso;
3) nuovi contratti di locazione di edifici o di singole unità immobiliari soggetti a registrazione.

GLI OBBLIGHI
Ancor più nello specifico, sono 3 gli obblighi previsti dalla normativa:
1) l’obbligo di “dotazione”, vale a dire la “messa a disposizione” dell’APE, che avviene quando si consegna l’APE all’acquirente o futuro conduttore;
2) l’obbligo “dichiarativo”, che si adempie inserendo una clausola nella quale acquirente o conduttore confermano di aver ricevuto le informazioni e la documentazione comprensiva dell’APE sulla prestazione energetica dell’immobile. Tale obbligo viene ricompreso negli atti di trasferimento a titolo oneroso e nei nuovi contratti di locazione immobiliare se soggetti a registrazione;
3) l’obbligo di “allegazione” di copia dell’attestato al contratto di trasferimento dell’immobile a titolo oneroso e per i contratti di locazione di edifici.

LE SANZIONI
Gli obblighi di dichiarazione e di allegazione sono sanzionabili a norma del D.L. 145/2013 solo con sanzioni amministrative e non – come detto – con la sanzione di nullità contrattuale assoluta. Le parti pertanto saranno responsabili in solido al pagamento:
1) di una sanzione da 3.000 a 18.000 euro, per gli atti di trasferimento a titolo oneroso e per le locazioni di edifici;
2) di una sanzione da 1.000 a 4.000 euro per le locazioni di singole unità immobiliari di durata superiore a tre anni (si tratta, quindi, solo della violazione dell’obbligo di dichiarazione, in quanto l’obbligo di allegazione non sussiste);
3) di una sanzione da 500 a 2.000 euro per le locazioni di singole unità immobiliari non eccedenti tre anni (si tratta, quindi, solo della violazione dell’obbligo di dichiarazione, in quanto l’obbligo di allegazione non sussiste).

L’obbligo di “dotazione” (art. 6 comma 2), invece, è tuttora sanzionato dall’art. 15, commi 8-9, del D.Lgs. 192/2005 che prevede:
1) per i contratti di vendita immobiliare, una sanzione non inferiore a 3.000 euro e non superiore a 18.000 euro;
2) per i contratti di locazione di edifici o di singole unità abitative, una sanzione non inferiore a 300 euro e non superiore a 1.800 euro.
L’accertamento e l’imputazione delle violazioni, così come stabilito dalla norma, sono svolte alla registrazione dell’atto, dall’Agenzia delle Entrate, oppure dalla Guardia di Finanza. 
Tuttavia è impossibile per le Entrate, contestare la violazione “all’atto della registrazione dell’atto”, in quanto la registrazione stessa avviene «al momento della ricezione del file telematico» e nel caso di registrazione delle locazioni con i modelli Siria, Iris e Rli avviene senza che il contribuente debba “caricare” online l’atto e i suoi allegati. È chiaro che risulta impossibile, per i funzionari del Fisco, verificare se la normativa è stata rispettata. 

Per tale motivo è in corso di emanazione lo schema di decreto in materia di semplificazioni fiscali (atto del Governo 99-bis), che prevede che le Entrate debbano trasmettere le informazioni necessarie in via telematica direttamente al Ministero dello Sviluppo Economico che si occuperà di accertare e contestare le eventuali violazioni. La norma prevede che siano inviati anche i dati dei contratti registrati dal 24 dicembre 2013 a oggi.

La collaborazione tra agenti immobiliari è ovunque, MLS REplat è anche su Twitter!

MLS REplat arriva su Twitter MLS REplat da oggi è anche su Twitter! Il più grande Multiple Listing Service italiano è sbarcato sul social più veloce e moderno per diventare uno degli strumenti di supporto principali per gli operatori del network arancione. Quindi aprite il vostro account Twitter e scrivete di REplat, su REplat ma fondamentalmente a REplat. Come? Ci trovate con l’id @MLSREplat e all’indirizzo twitter.com/mlsreplat: è il canale giusto per fare a chi lavora tutto il giorno e tutti i giorni sulla piattaforma tutte le domande tecniche che desiderate. Chi è già Aderente all’MLS potrà interagire con noi direttamente dall’area riservata (MyPage): gli basta andare alla tab con il celebre uccellino di Twitter, cliccare e… scrivere il proprio messaggio. Ma mi raccomando, rigorosamente entro i 140 caratteri!

#MaiLavorareSoli #seguiMLS #siamoquipervoi

Online lo spot MLS REplat 2015: la piattaforma per agenti immobiliari non è mai stata così in forma

Non ci sono più scuse. Chi dice di non conoscere la prima piattaforma italiana per la compravendita in collaborazione tra agenti immobiliari, MLS REplat, da oggi, sa di mentire. Scherziamo, naturalmente. Siamo seri invece quando diciamo che da qualche giorno è disponibile online sul canali Youtube, Facebook e Twitter di Frimm il nuovo spot MLS REplat 2015: sessanta secondi di divertente motion graphic realizzato dall’ufficio comunicazione dell’azienda presieduta da Roberto Barbato in cui due colleghi agenti immobiliari di diversa “natura” (uno è in franchising, l’altro è un indipendente) scoprono le meraviglie del Multiple Listing Service creato da Frimm nel 2000 e che oggi vanta un network a cui collaborano oltre 3000 operatori sparsi in tutta Italia. Un modo semplice ma accattivante per raccontare l’MLS agli agenti immobiliari che ancora non lo conoscono così come anche al più vario pubblico di chi vende e compra casa tutti i giorni.

logo_mlsreplat www.replat.com

Solo Affitti sceglie MLS REplat e potenzia la propria rete

Solo Affitti, partnership con MLS REplatSolo Affitti, franchising immobiliare leader in Italia nella locazione con 350 agenzie (di cui 40 in Spagna), allarga il proprio mercato di riferimento condividendo gli oltre 50 mila immobili del suo portafoglio su MLS REplat, piattaforma online di condivisione immobiliare creata da Frimm. Da novembre 2014, gli oltre 600 operatori che lavorano all’interno delle agenzie Solo Affitti in Italia avranno accesso all’MLS arancione e saranno pronti a partecipare alla collaborazione: potranno inserire nella piattaforma gli immobili offerti in locazione e le richieste dei potenziali inquilini, avvalendosi di conseguenza del matching, principale funzione di MLS REplat che abbina automaticamente domanda e offerta.

“Grazie alle caratteristiche di MLS REplat – spiega Silvia Spronelli, presidente di Solo Affittii nostri affiliati potranno allargare la platea dei potenziali clienti e chiudere in tempi più rapidi i contratti di locazione. In questo periodo di crisi il mercato dell’affitto si conferma strategico, ma soprattutto riteniamo sia strategico per noi imprenditori condividere idee di successo e trovare insieme soluzioni che possano offrire opportunità di crescita e miglioramento del settore”.

Grazie al portafoglio immobiliare di Solo Affitti, l’archivio di MLS REplat, oltre ad ampliarsi, si specializza anche nella locazione, attività oggi indispensabile per gli agenti immobiliari.

“L’ampliamento del network, di qualsiasi network – ha sottolineato Roberto Barbato, presidente Frimm e MLS REplat non può che essere un beneficio per tutti gli addetti che vi operano. Aumentano esponenzialmente le possibilità di fare business, sempre più specializzato, con più colleghi: la partnership tra Solo Affitti e MLS REplat è, fondamentalmente, questo. Un’occasione per il mercato immobiliare italiano e per i suoi operatori”.

Gli agenti aderenti a Frimm, o a MLS REplat, potranno entrare a far parte della rete Solo Affitti con la speciale formula del “Punto Partner”, un corner dedicato alle locazioni all’interno dell’agenzia tradizionale che si occupa anche di compravendite. La partnership con il franchising cesenate guidato da Silvia Spronelli è basata su un recente perfezionamento tecnologico di MLS REplat, la cui API ufficiale (Application Programming Interface) rende il Multiple Listing Service compatibile con qualsiasi gestionale esistente in commercio.

Scarica qui il comunicato stampa in formato pdf

Le App di Frimm e di MLS REplat sbarcano su Google Play Store

App Frimm su Google Play StoreLe App istituzionali di Frimm e MLS REplat, disponibili per smartphone e per tablet, sono ufficialmente sbarcate sul Google Play Store. Da oggi quindi il processo per installare le App sui cellulari Android è facilissimo e soprattutto standard per l’utente Android. Le App di Frimm e di MLS REplat sono inoltre inserite nelle pagine ufficiali dello store: come mostrato nell’immagine a fianco, si tratta di una vera e propria vetrina.

 

 

Clicca qui per l’App Frimm su Google Play
Clicca qui per l’App MLS REplat su Google Play

Primo trimestre 2014, cresce il mercato casa (+1,3%) e crescono i mutui erogati (+5%): era ora

Mercato casa: si torna a crescereSe gli ultimi due anni del settore immobiliare italiano, anche e soprattutto secondo l’Istituto nazionale di statistica, erano stati da buttare, finalmente i primi tre mesi del 2014 – analizzati proprio dal consueto studio dell’Istat – hanno mostrato l’attesa inversione di tendenza. Le convenzioni notarili di compravendita per immobili residenziali e commerciali, infatti, hanno finalmente registrato valori positivi, pari al +1,3% per la variazione tendenziale delle convenzioni notarili per trasferimenti di proprietà nel complesso del settore immobiliare (-10,3% nel I trimestre 2013 rispetto allo stesso periodo del 2012); e del +1,5% per quella dei passaggi di immobili ad uso abitazione (-10,3%). Quanto ai trasferimenti di unità immobiliari ad uso economico, invece, la variazione è del +1,6% (-10,1%).

Percentuali che tradotte in valori oggettivi si traducono in 140.716 convenzioni notarili per trasferimenti di proprietà di unità immobiliari. Di queste, il 93,1% delle convenzioni stipulate ha riguardato trasferimenti di proprietà di immobili ad uso abitativo ed accessori (131.072), il 6,3% unità immobiliari ad uso economico (8.860) e lo 0,6% unità immobiliari ad uso speciale e multiproprietà (784). Geograficamente parlando, in testa a questa speciale classifica di rendimento troviamo il centro Italia (+8,1%), seguito dal Nord Est italiano (+3,6%). Variazioni negative si rilevano invece ancora nel Sud (-2,9%), nelle Isole (-2,7%) e nel Nord Ovest (-0,7%). Anche le convenzioni notarili per mutui, finanziamenti e altre obbligazioni con costituzione di ipoteca immobiliare stipulati con banche o soggetti diversi dalle banche (63.084) registrano una crescita del 5% (-6,3% nel primo trimestre del 2013 rispetto allo stesso periodo del 2012). Positive le variazioni anche in tutte le ripartizioni geografiche, con valori sopra la media nazionale al Centro (+11,6%) e nel Nord-Est (+5,1%). (Fonte dati ISTAT)

La mossa di Murdoch: 1 miliardo di dollari per acquistare 900 MLS

Rupert MurdochLa News Corp di Rupert Murdoch, imprenditore australiano (ma di passaporto statunitense) tra i più facoltosi al mondo, ha acquistato la società Move Inc. per 950 milioni di dollari, circa 754 milioni di euro. Move, tanto per mettere subito le cose in chiaro, è uno dei più grandi portali immobiliari presenti oggi online. Ma Murdoch non ha speso una fortuna “solamente” per mettere le mani sul traffico generato da Move, bensì per rilevare i 900 MLS raccolti sotto l’egida di Realtor.com, piattaforma di proprietà di Move e “terra promessa” dei Multiple Listing Service americani.

Lo scopo di tutto ciò è presto svelato: Murdoch, tra i manager più ispirati, sta scommettendo sul futuro dell’immobiliare, e per farlo, guarda caso, ha scelto una particolare tecnologia: l’MLS. Le piattaforme Multiple Listing Service da anni negli Stati Uniti sono lo strumento standard per gli agenti immobiliari. Grazie a questa storica acquisizione Murdoch intende utilizzare le nostre piattaforme mediatiche e il nostro robusto contenuto per alimentare il traffico online – ha dichiarato – e dar vita al sito immobiliare di maggior successo negli Stati Uniti”.

Frimm, una nuova stagione sulle divise del Tc Parioli calcio a 5

parioli

Prosegue proficuamente la partnership che lega ormai da due stagioni la squadra di calcio a 5 del TC Parioli, il prestigioso circolo sportivo romano, e Frimm, main sponsor della formazione. Da quest’anno poi, un’altra grande azienda ha affiancato Frimm nell’endorsement (stavolta più prettamente tecnico) della squadra di calcio a 5: è Adidas, che ha preso il posto della precedente marca di abbigliamento sportivo (Nike) sulle divise del team.

A proposito di calcetto, inoltre, solo qualche settimana fa il TC Parioli ha presentato il nuovo progetto che vede la nascita della scuola calcio 42 Football Academy e di calcio a 5 Futsal Academy, progetti realizzati in collaborazione con Federico Balzaretti, giocatore dell’ A.S. Roma. Per seguire la squadra di calcio a 5 del TC Parioli e tutte le altre attività del circolo sportivo: www.tcparioli.it.

Social media marketing: prosegue il tour di formazione gratuito organizzato da MLS REplat e Fiaip

Corso di Social Media Marketing con MLS Fiap e MLS REplatCon le prime tre tappe in archivio, il tour di formazione sul Social Media Marketing per il mercato immobiliare organizzato da MLS REplat, MLS Fiaip e Fiaip tira il fiato prima di riprendere la sua corsa: nei primi tre appuntamenti di Genova, Torino e Milano, il responsabile del prodotto e della comunicazione di MLS REplat Giulio Azzolini e il responsabile della formazione Raffaele Giamundo, relatori del corso voluto dal presidente Paolo Righi e dal presidente Roberto Barbato, hanno già incontrato più di 150 agenti immobiliari Fiaip. Il corso proseguirà il prossimo 14 ottobre a Bologna.

Il corso di Social Media Marketing per agenti immobiliari si propone di illustrare le potenzialità pubblicitarie dei nuovi canali di comunicazione sociali e di spiegare come sfruttarli per ampliare la generazione di lead qualificati.

Perfezionato per le esigenze dei professionisti del mercato immobiliare, l’evento formativo ha come obiettivo quello di mettere a disposizione degli agenti stessi semplici ma efficaci strategie quotidiane, utili a costruire un network di follower interessati a vendere e comprare casa nonché a pubblicizzare correttamente i propri servizi e la propria offerta.

Gli studiosi di web-marketing hanno analizzato che una corretta strategia di comunicazione social permette a un’agenzia di raggiungere il 25% in più di clienti interessati: una fetta di mercato, questa, che non sarebbe possibile catturare con i tradizionali canali pubblicitari.

www.facebook.com/mlsreplat

LOCATION e DATE 2014
Genova: 22 settembre
Torino: 23 settembre
Milano: 24 settembre
Bologna: 14 ottobre
Pisa: 15 ottobre
Napoli: 23 ottobre
Palermo: 5 novembre
Catania: 6 novembre

Fusione perfezionata: nasce un unico grande Gruppo Frimm

Frimm_RESCompletata la procedura di incorporazione in Frimm Holding delle società Eurotrading SpA, Frimm Group SpA e Replat SpA

In data 23 luglio 2014 si è completato il procedimento di fusione cominciato nel dicembre 2013 che incorpora le società Eurotrading SpA, Frimm Group SpA e Replat SpA nella società Frimm Holding Srl, che poi, a breve, verrà trasformata in Frimm SpA. L’integrazione delle società Eurotrading, Frimm Group e Replat all’interno di un unico grande contenitore consente una semplificazione della catena partecipativa nonché un ulteriore consolidamento della mission aziendale, totalmente incentrata sul cliente: Frimm, ora unica grande società, diviene così uno dei più completi service provider del real estate italiano.

La fusione consente inoltre di razionalizzare costi e attività, e soprattutto una migliore leggibilità da parte delle banche e degli investitori che anche recentemente hanno mostrato interessi nei confronti del Gruppo. La nuova società costituita, di cui resta presidente Roberto Barbato, comincia a sua volta un percorso che la porterà a trasformarsi in Società per Azioni entro la fine del 2014. Frimm Holding Srl detiene un asset patrimoniale di circa 40 milioni di euro.

Attivo dal 2000, quello sotto l’egida del marchio Frimm è uno dei principali network del settore immobiliare italiano, con oltre 3000 operatori connessi alle oltre 1000 agenzie che quotidianamente collaborano grazie a MLS REplat, la piattaforma online (Multiple Listing Service) per la condivisione di portafogli immobiliari core business dell’azienda. Dal 2012 l’azienda si è sempre più specializzata nell’erogare servizi specifici per le agenzie immobiliari, distaccandosi dal concetto vincolante di franchising, affinando e migliorando il proprio prodotto di punta, il Multiple Listing Service REplat, fino a renderlo completamente trasversale utilizzabile dunque da qualsiasi agenzia a prescindere dalla sua affiliazione.

Scarica qui il comunicato in formato pdf

Per il Censis la crisi ha “dimezzato il mercato immobiliare”. La ripresa è attesa nel 2015

Mercato immobiliare dimezzatoDopo dieci anni d’oro, vissuti a cavallo del millennio (1997-2007), con la crisi globale il mercato immobiliare ha perso esattamente metà del suo potenziale in fatto di compravendite. Sono dati dell’istituto Censis di recente pubblicazione all’interno di un dossier realizzato in collaborazione con Rur (Rete Urbana delle Rappresentanze). Andando ai numeri: nel settore residenziale si è passati dalle 807mila abitazioni compravendute nel 2007 alle 403mila del 2013.

Come dire che il mercato delle case, nel 2013, è retrocesso di quasi 30 anni: quel volume di scambi si era fatto registrare infatti nel 1984. Anche confrontando i dati con il primo anno di crisi dell’immobiliare, il 2008, il calo al 2013 è comunque molto rilevante, con un fatturato che è passato da 112 miliardi di euro ad appena 68 miliardi (-39,7%). Per non parlare dei trend fatti registrare negli altri segmenti di mercato non residenziale: tra il 2008 e il 2013 è sceso del 50,9% il fatturato per il settore singoli uffici, del 55,1% il settore dei piccoli negozi, del 50,6% il mercato dei capannoni industriali.

Tirando le somme, il fatturato complessivo del settore immobiliare ha registrato una riduzione di 57,7 miliardi, che equivalgono a tre volte il fatturato della Fiat e a quasi la metà dell’Eni.

In ogni caso, i primi segnali di ripresa già visibili nel 2014 si concretizzeranno nel 2015, stando all’istituto di ricerca. Il prossimo anno, quindi, si prevede una risalita del mercato favorita dal tendenziale aumento dell’erogazione dei mutui, passati dai 90mila del 2012 ai 118mila del 2013, e da alcuni incentivi previsti nel decreto legge “Sblocca Italia”. 

MLS REplat si connette alla Repubblica Dominicana

Il Multiple Listing Service più diffuso in Italia apre i battenti anchea Santo Domingo, grazie all’iniziativa della società di investimenti “Houses for Sale in the World”. Obiettivo: soddisfare le richieste “caraibiche” di oltre 1.000 agenzie italianeper un mercato che rende tra il 6% al 12% grazie alla stagione turistica di 10 mesi

Houses for Sale in the WorldMLS REplat, la piattaforma online creata da Frimm che fa collaborare ogni giorno migliaia di agenti immobiliari in tutto il mondo, pianta un’altra bandierina virtuale anche nel Mar dei Caraibi, e precisamente nella Repubblica Dominicana. Merito dell’accordo raggiunto tra la branca estera del MLS italiano, MLS REplat International, e la Houses for Sale in The World (“H4S”), società presieduta da Eduardo Cirincio, broker italiano trapiantato a Santo Domingo e che lì ha costruito la sua “idea immobiliare”.

«H4S è una società per investimenti nel campo immobiliare costituita dai migliori professionisti del settore – spiega Cirincio – uomini e donne che dal settembre 2012 hanno creduto al mio progetto di diventare leader qui nella Repubblica Dominicana. Una terra fantastica, da anni meta tra le preferite degli italiani. La scelta di stabilire il mio business qui è giunta dunque come naturale risposta alla domanda: se fossi un investitore in cerca di alta redditività, dove investirei? Scartate destinazioni quali New York, Miami, Londra, gli Emirati Arabi o il Brasile, tutti mercati che già godevano di ampia rappresentanza in Italia, la scelta è caduta su questo paradiso, che in Italia non aveva rappresentanza nonostante l’enorme incremento di vendite dell’ultimo decennio».

Dopo le precedenti sette aperture estere in sei diverse nazioni (Inghilterra, Francia, Russia, Svezia, USA e Brasile) messe a segno in questo 2014 dunque, un nuovo e diverso mercato si apre all’espansione del principale Multiple Listing Service italiano, che ogni giorno definisce la routine lavorativa di oltre 3000 agenti immobiliari nostrani.

Un ambiente, quello del real estate dominicano, «certamente fertile, che rende mediamente dal 6% al 12% grazie ad una stagione turistica che dura 10 mesi pieni. È un mercato in crescita – sottolinea ancora Cirincio – ma mai soggetto a bolle immobiliari, trainato invece in maniera intelligente da politiche mirate ad aumentare ancora il flusso, con una politica fiscale che incentiva gli investimenti esteri, soprattutto quelli immobiliari, tutela la proprietà e il rientro dei capitali nei paesi di origine, costi di manodopera bassi, grande attenzione ai materiali e un sistema bancario autonomo propenso all’investitore estero».

«E poi – aggiunge – è un Paese che offre un lifestyle degno di Hollywood, ma a prezzi molto più accessibili, per non parlare della popolazione, adorabile, un alto livello di sicurezza, e una sanità efficiente e a costi relativamente contenuti. Del resto, se 65.000 italiani risiedono oggi in Repubblica Dominicana e 42.000 la visitano ogni anno come turisti, un motivo ci sarà».

Clicca qui per scaricare il comunicato in formato pdf

Il segreto per incrementare il fatturato? La collaborazione tramite MLS

Roberto BarbatoQuesta mattina, dopo aver ascoltato un’interessante conversazione tra due colleghi agenti immobiliari, ho sentito il bisogno di buttare giù due righe per condividere alcuni pensieri e informazioni con gli Aderenti a MLS REplat e col mercato. Tra l’altro colgo volentieri l’occasione per augurare a tutti un ottimo rientro dalle meritate ferie e una spettacolare ultima parte di 2014.

Dunque, stamattina riflettevo sul fatto che la percezione che il pubblico ha del mercato immobiliare italiano in questo momento è in qualche modo distante da quella che è in realtà. In particolare ritengo che l’impressione che i clienti hanno del nostro comparto sia più negativa della situazione reale. E lo dico con cognizione di causa, nonostante gli strascichi della crisi siano ancora lontani dall’essere esauriti: secondo l’Agenzia delle Entrate, ad esempio, i dati del primo trimestre 2014 sull’andamento complessivo del mercato immobiliare hanno finalmente registrato un segno positivo, crescendo dell’1,6% rispetto al primo trimestre dell’anno precedente. E il settore residenziale ha segnato addirittura un +4,1% sulle vendite e una diminuzione dei prezzi.

Ma non finisce qui. Le agenzie che utilizzano l’MLS hanno fatturato bene anche nel mese di agosto! Una notizia che davvero mi ha fatto felice e che rappresenta una bella eccezione nel panorama italiano. Lo dico sempre e non mi stanco di ribadirlo: il segreto per incrementare il fatturato è la collaborazione tramite Multiple Listing Service, tutelata e senza sorprese.

A questo proposito mi fa piacere sottolineare l’importanza della gestione dei rapporti con i colleghi, vera e propria base per una proficua attività collaborativa: l’agente immobiliare è il nostro primo e miglior cliente! Solo con i colleghi potremo fare business in maniera proficua e continuativa nel corso dello stesso anno o addirittura della stesso mese. Se gestiamo bene le relazioni con i colleghi – e vedo tantissimi operatori che si stanno muovendo in questo senso quando mi ritrovo a eventi di settore e corsi di formazione – avremo un flusso di clienti e di immobili costante e di livello.

Certo, la cultura della collaborazione via MLS ha ancora dei fondamentali passi da compiere per essere completa. Uno di essi è certamente l’eliminazione della richiesta di storno: oggi chi non lo chiede, fattura di più. Non potrei dirlo in maniera più semplice di questa. Senza storno gli altri colleghi sono più invogliati a collaborare con noi e questo ci consentirà di ampliare il nostro giro di affari.

Basta negatività, quindi. Abbiamo gli strumenti e la forza per riprendere a fatturare come si deve. Insieme possiamo raggiungere risultati eccezionali!

Buon lavoro e buona ripresa.

Roberto Barbato

PS: un buon modo per conoscere colleghi e tenersi in contatto con loro è il nostro gruppo #MaiLavorareSoli su Facebook.